Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) English Finnish French German Japanese Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish Swedish    Powered by TraduciMappa del sito
Sei qui: Home » Blog » Facebook punta alle news personalizzate
Martedì, 21 Novembre 2017
E-mail Stampa

Facebook punta alle news personalizzate

Mark Zuckerberg non perde l'abitudine di spiazzare le platee: ci si aspettava un telefono Facebook ed è arrivato Facebook Home, la settimana scorsa in molti hanno creduto che venisse presentato un Facebook Reader e, invece, sono stati lanciati i video su Instagram.

Ma quella del reader targato Menlo Park non è una voce completamente fuori luogo: secondo il Wall Street Journal Facebook sta pensando ad un social magazine suo, cercando quindi di entrare in un settore oggi dominato da Flipboard, Pulse, Zite e altre applicazioni simili che aggregano notizie provenienti da diverse fonti e restituiscono a chi ne fa uso le news che più gli interessano, mettendo quindi in grado ognuno di dare vita al proprio quotidiano.


Ancora non è chiaro se si tratterà di una feature di Facebook ottimizzata per usufruirne da dispositivi mobili o di un'applicazione per tablet e smartphone. Secondo fonti informate e non meglio precisate dal WSJ Zuckerberg sta attivamente lavorando a questo progetto da oltre un anno, insieme ad un team appositamente creato.

Resta ovviamente il focus sul mobile ma c'è anche la voglia di rifarsi dagli ultimi progetti non proprio riuscitissimi: Facebook Home, scelto da poco più di un milione di persone che però ha suscitato poco entusiasmo tra gli utenti (e, a ben guardare, benché una cifra a sei zeri sia imponente, si tratta di una percentuale piuttosto bassa se rapportata al numero di utenti mobili) oltre a Graph Search e gli hashtag, strumenti travestiti da tool preziosi per gli iscritti ma sicuramente più utili alle aziende. In questo caso a guadagnarne possono veramente essere l'engagement e l'interazione tra utenti, restando peraltro più aderente alla natura di Facebook.

Date di rilascio ancora non ce ne sono ma la dismissione di Google Reader e il successo roboante di Flipboard lasciano presagire una certa fretta.

Fonte: Il Sole 24 ore

Archivio