Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) English Finnish French German Japanese Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish Swedish    Powered by TraduciMappa del sito
Sei qui: Home » Blog » Google entra nelle sale riunioni con Hangouts. Arriva (negli Usa) Chromebox for Meetings
Giovedì, 21 Settembre 2017
E-mail Stampa

Google entra nelle sale riunioni con Hangouts. Arriva (negli Usa) Chromebox for Meetings

Il mini pc Chromebox, prodotto da Asus, è pensato per avere un pacchetto completo per le video conferenze e semplificare le procedure per attivare una riunione che prevede collegamenti video da remoto.
Chromebox for Meetings è un’idea che Google ha in pancia da tempo, l’ha sperimentata al proprio interno e ora la porta sul mercato in un bundle completo, che consente di gestire le comunicazioni verso l’esterno, dall’ufficio ma anche dal salotto di casa.

 Il vantaggio per le aziende, oltre ai costi contenuti della soluzione, è sostanzialmente quello di poter gestire sale riunioni multiple, fino a un massimo di 15 partecipanti, con una sola console Web-based. Basterà infatti premere un tasto del telecomando per abilitare un utente alla sessione e basterà avere un account attivo su Gmail Google+ per poter comunicare in videoconferenza dal proprio pc, tablet o smartphone da qualsiasi parte del globo.
Negli Usa, il pacchetto sarà venduto a 999 dollari comprensivo del servizio di assistenza per dodici mesi. Poi costerà 250 dollari di canone annuo comprendente gli aggiornamenti software e il supporto. Nei prossimi mesi il prodotto sbarcherà anche in Australia, Canada, Francia, Giappone, Nuova Zelanda, Spagna e Regno Unito. Sulla possibile sua disponibilità in Italia non ci sono invece indicazioni.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Archivio