Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) English Finnish French German Japanese Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish Swedish    Powered by TraduciMappa del sito
Sei qui: Home » Chi siamo » Storia
Giovedì, 21 Settembre 2017
E-mail Stampa

Storia

“Essere i primi” significa aver costruito una storia imprenditoriale che non si è fermata al primo successo, ma ha continuato a studiare l’innovazione tecnologica per trasferirla alle persone.

 

Didael KTS: un know how maturato in 30 anni di attività e ricerca
La nascita nel lontano 1983 di Didael Srl (Didattica con elaboratore) divenuta nel 1996 una delle prime “Web Knowledge Company” italiane, la costituzione nel 1985 del Laboratorio di Ricerca Didalab, riconosciuto nel 1990 come laboratorio di interesse nazionale dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, la creazione nel 1993 a Bruxelles, di KT bv (Knowledge Technologies) e ancora nel 1997, la realizzazione con Mediatech (Dialogo e Interazione) a Cagliari, di Atlantis (progetto e laboratorio di ricerca e innovazione sul territorio), rappresentano le tappe principali dell'attività imprenditoriale di Gianna Martinengo che hanno portato alla fondazione nel 2010, con un gruppo di giovani collaboratori, di Didael KTS - Knowledge Technology Services.
Didael KTS amplia la sua offerta di Consulenza e servizi, Soluzioni per l'apprendimento e Web application sviluppando progetti di e-work, e-learning ed e-communication con un approccio sempre più fortemente orientato all'interoperabilità tra sistemi e fruibilità mediante tutte le piattaforme. 

Gallery:

2015

Didael KTS struttura in modo sempre più articolato la propria offerta nell’ambito sia delle Applicazioni Web che dell’e-Learning. L’elemento fondante di tutti i progetti resta l’interazione tra le persone, che la tecnologia supporta e migliora. Vengono acquisiti nuovi clienti, sia nel settore della Pubblica Amministrazione (Comune di Rho), che dell’advertising (IGP Decaux).

 

2013

Didael KTS amplia la sua offerta di Consulenza e servizi, Soluzioni per l'apprendimento e Web application sviluppando progetti di e-work, e-learning ed e-communication con un approccio sempre più fortemente orientato all'interoperabilità tra sistemi e fruibilità mediante tutte le piattaforme. Nel 2013 è previsto infatti il lancio di numerose applicazioni mobile, sia web che native.

 

2012

Didael KTS amplia la sua offerta di Consulenza e servizi, Soluzioni per l'apprendimento e Web application sviluppando progetti di e-work, e-learning ed e-communication con un approccio sempre più fortemente orientato alla Social Innovation.

2011

Il 2011 di chiude con ottimi risultati sia per numero di commesse che per l'acquisizione di nuovi clienti.
L'attività di ricerca prosegue con investimenti nello sviluppo di nuove tecnologie e di soluzioni innovative.

2010

Nel 2010 nasce Didael KTS – Knowledge Technologies Services, società fondata da Gianna Martinengo con un gruppo di giovani collaboratori.
Utilizzando il know how maturato in 26 anni di attività, propone, nell'ambito del Knowledge Sharing, soluzioni efficaci caratterizzate da una forte connotazione di servizio, con l'obiettivo di sviluppare soluzioni innovative di e-learning, e-work ed e-commerce.
 

 

2009

Didael prosegue il suo impegno in attività di trasferimento di know how, fornendo un servizio di consulenza sulle metodologie di progettazione di corsi e-Learning (modelli, strategie formative), sugli strumenti di sviluppo (progettazione e utilizzo di template) e sulla valutazione di piattaforme di erogazione.
Didael si propone come fornitore di progetti basati su modelli diversificati per il Formal e Informal Learning, quali Community, Laboratorio Virtuale, On the job, Ubiquitous, 1-to-1, incluse soluzioni di Rapid Learning che utilizzano modalità pensate specificatamente per l'aggiornamento dinamico di contenuti testuali e multimediali che si evolvono continuamente (quali newsletter tematiche e knowledge objects).
L'attività di Didael segue l'evoluzione dei modelli comunicativi che passa attraverso i modelli del Web Sociale (web 2.0), del Web Semantico (web 3.0) e del Web Ubiquitous (web 4.0), sempre allo scopo di aiutare le intelligenze a mettersi in rete e collaborare per sviluppare conoscenza.
All'interno dell'offerta tecnologica di Didael basata su tecnologie sia proprietarie sia open source, sempre maggiore rilevanza è data ai Web Content Management System (WCMS), per la pubblicazione e l'aggiornamento dinamico di contenuti testuali e multimediali e per il supporto alla collaborazione.

 

2008

Con un'esperienza di 25 anni Didael si propone come:
- interlocutore in grado di dare valore aggiunto ai progetti di formazione dei partner/clienti, proponendo un'ampia gamma di soluzioni integrate per il Formal e l'Informal Learning;
- partner per progetti di innovazione (dal Web 2.0 all'e-Inclusion), capace di proporre modelli efficaci nel coinvolgere le persone nel cambiamento.
In quest'ottica Didael arricchisce il proprio catalogo con nuove proposte di Tecnologie, Contenuti e Servizi. Anche il sito Didael si rinnova, per offrire sempre più informazioni utili sul mondo dell'innovazione e dell'e-Knowledge e promuovere il dialogo con gli utenti nell'ottica del Web 2.0.
Didael sperimenta tecnologie collaborative basate su GRID e le applica all'interno di progetti internazionali.

2007

Didael estende la propria capacità progettuale e i propri servizi anche al mondo dell'open source.
Nell'ambito delle soluzioni ad hoc, le proposte più innovative si rivolgono nella direzione del Web 2.0: soluzioni sempre più orientate alla partecipazione, alla comunicazione bidirezionale (in lettura e scrittura) da parte di tutti gli utenti coinvolti, alla redazione distribuita, all'integrazione tra e-Knowledge ed e-Work.
 

 

2006

Tra i principali ambiti di intervento di Didael emerge quello della progettazione e realizzazione di Web Content Management System a supporto di web community per l'aggiornamento professionale e l'apprendimento informale, per favorire l'aggiornamento professionale, l'apprendimento informale e il lavoro collaborativo a distanza sui contenuti proposti.

 

2005

Didael continua a puntare sull'innovazione e su soluzioni “just in time” capaci di rispondere a bisogni specifici. Integra nei propri prodotti e servizi strumenti di videocomunicazione e servizi di aula virtuale, valorizzando la collaborazione in tempo reale per la creazione di nuova conoscenza e per la consulenza.
Realizza un sistema di automazione per progettare e sviluppare, su scala industriale, componenti software multimediali, coniugando ottimizzazione dei costi e flessibilità delle soluzioni (sulla base di un patrimonio di modelli, template, contenuti elaborati in oltre vent'anni di esperienza).

2004

Didael realizza un nuovo Learning Portal, A.M.I.C.A. (Ambiente Multipiattaforma per l'Informazione, la Comunicazione e l'Apprendimento), sviluppato con il contributo del Fondo Innovazione Tecnologica (F.I.T.). A.M.I.C.A. supporta i processi di apprendimento valorizzando in particolare la dimensione collaborativa nella creazione e diffusione della conoscenza.
Didael rinnova tutta la comunicazione aziendale: il sito web, completamente trasformato nella struttura dei contenuti e nella grafica, il logo, la brochure, le newsletter, ecc.
Nell'ambito del progetto OntoSite, il laboratorio DidaLab realizza un sistema di Document Management dotato di un motore di ricerca basato su ontologie, per semplificare i processi di interrogazione sulla base documentale legata al sito aziendale.
 

 

2003

Didael compie vent'anni: dispone oggi di un nome internazionalmente riconosciuto e di una reputazione prestigiosa nel settore. Focalizza i suoi sforzi nella realizzazione di nuove architetture per l'e-Learning e il knowledge exchange contraddistinte da un elevato livello di flessibilità, riusabilità, interoperabilità.

2000

È l'anno in cui la rivoluzione Internet ha effetto anche sul logo aziendale, segnando una tappa fondamentale nel posizionamento di mercato della Società: Didael è la prima Web Knowledge Company italiana. La sintesi di tecnologie Web e conoscenza è confermata: Didael offre soluzioni a problemi applicativi di ampio spettro.
 

 

1998

In questo anno Didael annuncia di aver attivato all'interno del proprio sito una sezione dedicata al commercio elettronico, in cui gli utenti possono acquistare prodotti multimediali e accedere ad una serie di corsi online e servizi a pagamento.
Il progetto per l'apprendimento della lingua inglese e dell'italiano per stranieri in un contesto collaborativo e cooperativo distribuito attraverso la piattaforma telematica ATENA® - è risultato tra i vincitori del premio "Riconoscimento europeo per iniziative che promuovono l'apprendimento delle lingue – 1998" promosso dall'ISFOL e dal Ministero del Lavoro.
Didael apre ai mercati esteri, avviando il programma di e-learning per insegnanti di italiano come lingua straniera Try-It, condotto insieme ad insegnanti di italiano residenti in Australia e operanti presso l'Italian School Committee di Bundilla, l'Università di Sidney e il Comitato Italiano di Assistenza di Camberra. Viene inoltre portato a conclusione con successo il progetto di formazione a distanza per l'insegnamento della lingua italiana T.I.L.T, realizzato con il Centro di Cultura Italiana dello stato di Paranà e Santa Caterina, in Brasile e il contributo del Ministero degli Affari Esteri.
 

 

1995

Lo sviluppo unificante del digitale trasferito via Internet accelera la convergenza tra attività di ricerca e di produzione.
All'inizio del '96 Didael realizza il suo primo sito e il sito Kinder per Ferrero con giochi interattivi sviluppati in Java.
Viene progettata ATENA®, prima piattaforma italiana di e-learning che include netmeeting come strumento di videocomunicazione. Nel 1997 Didael partecipa con la società Mediatech: dialogo ed interazione alla creazione di Atlantis: Città dell'innovazione (progetto e laboratorio di ricerca e innovazione in Sardegna).
Didael avvia un'attività di ricerca e sviluppo dedicata al tema delle competenze (metodologie descrittive, analisi dei curricula, certificazione). Tra i clienti: Ministero del Lavoro, ISFOL, SOFID.
 

 

1992

Nel periodo '85/'92, Didael è fortemente impegnata su due fronti: lo sviluppo di progetti su commessa per le imprese e la partecipazione ai programmi di ricerca europei, che hanno anticipato di anni temi che sono oggi attuali: telecomunicazioni, apprendimento collaborativo a distanza, produzione dinamica di nuova conoscenza.
Nel 1993 Gianna Martinengo fonda a Bruxelles con un gruppo di ricercatori internazionali KT (Knowledge Technologies bv) società di ricerca finalizzata alla progettazione e realizzazione di strumenti evoluti per la formalizzazione della conoscenza. Partners di KT (Knowledge Technologies bv) sono Luc Steel, Kris Van Marcke, Walter Van de Velde e Stefano A. Cerri.
Il mercato aziendale aumenta e si diversifica per settore, dimensione e natura dei problemi da risolvere. Esce in Europa il Cd-I e Didael lo utilizza in alcune applicazioni per grandi Clienti.
Da "didattica con l'elaboratore" il logo aziendale sposta l'accento sulle "tecnologie per la comunicazione della conoscenza".
 

 

1989

DIDAEL, grazie al suo Laboratorio di ricerca DidaLab, vince come primo contraente il progetto NAT*LAB e come partner altri 10 progetti del programma DELTA; è partner anche in 2 progetti ESPRIT e di vari COMETT. Diventa l'Istituzione più importante in Europa nel programma DELTA Exploratory Phase (TIC per Open and Distance Learning). Da questa attività di ricerca precompetitiva risulta evidente che gli strumenti interattivi servono per comunicare in generale, e che l'apprendimento è un effetto laterale della comunicazione. La missione aziendale, identificata nel binomio "conoscenza e strumenti informatici" ed inizialmente orientata ai sistemi di insegnamento, viene estesa ai sistemi di comunicazione umana mediata dalle tecnologie.
Marvin Minsky (MIT), pioniere dell'intelligenza artificiale, visita il Laboratorio di Ricerca e Sviluppo Didalab.
 

 

1987

Didael realizza il primo videodisco per una Banca e partecipa al primo progetto nazionale di formazione a distanza finanziato dal Ministero del Lavoro; il laboratorio di ricerca DidaLab intanto sviluppa prototipi utilizzando linguaggi come Lisp, Prolog, Smalltalk, ed estensioni come MRS (Meta Reasoning System) e ABCL (Actor Based Common Lisp).

1985

Viene costituito il Laboratorio di Ricerca DidaLab, riconosciuto nel 1990 come laboratorio di interesse nazionale dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. Inizia la produzione per il mercato Aziende con le prime commesse da parte di 3 importanti clienti a livello nazionale: SIP, Fiat Auto e Istituto San Paolo di Torino.
 

 

1983

Gianna Martinengo fonda DIDAEL (Didattica con l'elaboratore); inizia, con pochi collaboratori, lo sviluppo di prodotti per la Scuola. Uno di questi, "Italiano di base" su M20, è presente nel Museo storico della Didattica dell'Università "La Sapienza" di Roma, Sezione Informatica. La missione aziendale: dialogo persona/persona mediato da tecnologia.